• Mobile: +393386330768

Pro Evolution Soccer 2015

16 Nov

Pro Evolution Soccer 2015 In evidenza

(2 Voti)

Pro Evolution Soccer è tornato. Correttamente indietro. Dopo una serie di tentativi falliti di recuperare i giorni di gloria PS2, Konami ha finalmente trovato una formula vincente. Ci sono voluti più di dieci anni per tornare in lizza con la Fifa colosso di EA, ma PES 2015 assicura che, almeno sulla qualità se non sulle vendite, è una corsa a due di nuovo in questa stagione. Ed è bastato per tornare alle origini.

Avendo saltato la versione PS4 e Xbox l'anno scorso, Konami ha utilizzato il tempo saggiamente e focalizzato su l'unica cosa che conta di più: l'azione sul campo. Motore Fox di Konami (utilizzato anche in Metal Gear Solid 4) realizza il suo pieno potenziale su macchine nextgen e fornisce il tipo di calcio che i fan del vero sport amano. Non si tratta di piroette irrealistiche e gesti rapidi arcobaleno che sono lasciati in panchina. Si tratta di fluidità e intuizione.

La stretta di controllo significa che si può sentire sicuri di mantenere la palla anche con un difensore con il fiato sul collo. Ci si sente naturali e autentici.

Naturalmente, ci sono ancora mosse speciali ma solo con giocatori del calibro di Ronaldo, Neymar e co. Il nuovo sistema di ID PES assicura che solo i giocatori fanno quello che farebbero nella vita reale. Il motore Fox migliora notevolmente l'efficacia delle vostre AI. I giocatori potranno sfrecciare nello spazio di loro spontanea volontà. L'equilibrio tra attacco e difesa è grande.

My Club è la nuovissima modalità online con la quale Pro Evolution Soccer cerca di attentare allo strapotere di FIFA Ultimate Team. Esattamente come la propria omologa, infatti, My Club ci metterà alle prese con una rosa composta da giocatori di categoria inferiore nel tentativo, partita dopo partita, di costruire un vero e proprio dream team inarrestabile. Come già espresso in sede di anteprima, rispetto alla concorrenza Konami ha cercato di conferire un carattere più gestionale al tutto, allontanandosi da quel feeling da 'album di figurine' che, per quanto profondo, permea invece la modalità regina di FIFA. Anche qui, spirito di squadra e chimica tra i giocatori sono componenti essenziali di una compagine che in campo renda al meglio delle proprie possibilità ed il primo passo verso la loro costruzione passa, questa volta, per la scelta dell'allenatore da far sedere sulla propria panchina. Giocare con uno schema di gioco e delle tattiche affini a quelle preferite dal proprio mister è infatti uno dei modi migliori per affiatare il proprio gruppo che, anche in base all'assegnazione degli specifici ruoli in campo, mostrerà poi il suo livello di coesione grazie ad una vera e propria 'mappa termica'. L'aumentare della forza dei vari legami in campo (migliorabile facendo giocare la stessa formazione nel tempo) verrà quindi rappresentata da una colorazione del terreno di gioco sempre più tendente al rosso acceso. Per quanto il sistema nel suo complesso funzioni, sotto questo punto di vista è impossibile non notare come l'immediatezza dei vari schemi lineari preferiti dalla concorrenza faciliti la leggibilità della situazione a livello di alchimia, specialmente durante le prime esperienze in My Club che, sotto questo punto di vista, rischiano di disorientare un po' il giocatore.

Appurate le qualità di un comparto online che, se non per originalità, brilla quantomeno grazie alla propria rinnovata stabilità, PES 2015 si dimostra quindi in grado di combattere ad armi diverse, ma pari, con la concorrenza, lasciando all'utente finale la scelta circa la miglior filosofia calcistica con la quale schierarsi. Questo discorso, purtroppo, vale solamente per le versioni più convincenti del titolo Konami, ovvero quelle next-gen: tralasciando l'infame differenza di risoluzione (1080p su PS4 e 720p su Xbox One) tra le varie console, è infatti sulle nuove ammiraglie Sony e Microsoft che il nuovo capitolo di PES mostra i pieni frutti del lavoro svolto dal team di sviluppo nell'ultimo anno. Tanto su PS3 quanto su Xbox 360 PES 2015 si mostra quindi come un'evoluzione del vecchio capitolo, limato nel gameplay (l'aspetto forse più vicino a quello delle controparti next-gen) e in elementi come intelligenza artificiale e dinamica del pallone, ma senza proporre quei decisivi passi in avanti che, ad esempio, Team e Player ID hanno introdotto nella versione tecnicamente più avanzata. Anche a livello grafico, il divario è apprezzabile soprattutto nella fluidità dell'azione di gioco e, in generale, nella pulizia e nel dettaglio dei giocatori, mostrandosi quasi come un'edizione riveduta e corretta della precedente edizione e poco altro. Nessuna differenza, invece, a livello di contenuti tra le diverse generazioni di console, che mantengono le stesse identiche modalità nuove o vecchie conoscenze che siano.

La più grande tegola del titolo Konami riguarda senza dubbio le licenze. In questo caso la sfida con il diretto rivale FIFA vede uscire PES sconfitto, nonostante la possibilità di avere accesso all'esclusività di alcune competizioni come l'Europa League, la Champions League o la Copa Libertadores o la Champions asiatica. La mancanza di alcuni campionati, come la Bundesliga, di quasi la totalità delle squadre inglesi (eccezion fatta per il Manchester United) e la presenza di un numero estremamente esiguo di stadi licenziati non fa altro che evidenziare questa mancanza che va, naturalmente, a riflettersi direttamente sul gioco. Le divise e i nomi delle squadre inglesi, sempre escludendo da questo discorso i Red Devils, non sono quelli ufficiali e anche la telecronaca, che vede l'esordio di Caressa con PES, rimarca queste lacune, evitando di nominare diversi giocatori di alto calibro che limitano nel massimo campionato inglese. Al momento non abbiamo la conferma che questo problema si protrarrà per diversi mesi o se verrà corretto con il rilascio di una patch dedicata.

Pro Evolution Soccer 2015 vede il cambio della voce principale per quanto riguarda la telecronaca: Fabio Caressa va a sostituire Pierluigi Pardo, rimanendo al contempo affiancato da Luca Marchegiani. Il cambio di voce riesce a dare una piccola scossa anche se alcune frasi sono stati palesamente riprese da vecchie edizioni. La lettura delle formazioni prima che una partita inizi è, per esempio, una caratteristica un po' stridente dal momento che viene fatta in maniera meccanica e senza un briciolo di espressione, al punto di risultare addirittura tediosa. Non mancano inoltre espressioni poco inerenti a quanto successo in campo, impedendo così a questo aspetto di diventare un punto di forza aggiuntivo del gioco.

La nostra prova di PES 2015 non ha potuto cimentarsi con le modalità di gioco online, ma le opportunità che il titolo Konami offre sono decisamente ampie: dalla competizioni licenziate già menzionate, è presente l'immancabile Campionato Master, le stagioni online, la modalità MyClub, la possibilità di effettuare una semplice amichevole o la sfida di cimentarsi nell'avvincente diventa un mito senza dimenticare la sezione dedicata agli allenamenti, dove personalizzare le proprie abilità e affinare le proprie capacità.

PES 2015 approda sulle console di nuova generazione in grande stile, offrendo un gameplay in grado di avvicinarsi al realismo e alla vera simulazione calcistica, con situazioni che riescono a far rivivere veri momenti di una partita di calcio. Ricco di modalità di gioco differenti con cui ci si può sbizzarrire, il vero tallone di Achille del titolo Konami sembrano essere le licenze, con troppe squadre assenti, senza uno dei maggiori campionati europei come la Bundesliga e con una presenza davvero esigua di stadi ufficiali.

Informazioni aggiuntive

Genere: Calcio
Piattaforma: Xbox/Ps4/Ps3/PC
Sviluppatore: Konami
Distributore: Konami
Publisher: Konami
Pegi: 3+ 
Lingua: Tutto in Italiano
Sito Ufficiale: PES 2015


 



Giudizio finale

Gameplay 98%
Grafica 97%
Longevità 98%
Sonoro 97%
Multiplayer 94%
Letto 2560 volte Ultima modifica il Martedì, 18 Novembre 2014 14:07
  • Lascia un commento

    Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
    Codice HTML non è permesso.

    Stiamo lavorando su

    Assistenza online :

    95%
    Corsi on line :
    85%

    Contatti