• Mobile: +393386330768

Guardiani della Galassia

marvel guardiani della galassia In evidenza marvel guardiani della galassia marvel guardiani della galassia
20 Ott

Guardiani della Galassia In evidenza

(0 Voti)

Ad oggi, Guardiani della Galassia ha un incasso globale di 650 milioni di dollari, destinato ancora a salire e forse, per una volta, non ci dispiace poi così tanto. Guardiani della Galassia è un film che è buono da vedere, incredibilmente vivace, giusto e scritto nella maniera buona per farsi apprezzare da un pubblico molto vasto. Insomma, alla fine il trucco era semplice, fare un cinecomics, cercando di non fare un cinecomics. Contraddizione? Non credo, perchè questo film funziona bene.

Straziato per la perdita della madre, l’adolescente Peter Quill si allontana dall’ospedale e viene rapito da un UFO. Anni dopo, ormai adulto, Peter Quill vaga per le galassie in cerca di preziosi manufatti e oggetti di valore da rivendere al mercato nero, facendosi chiamare Star Lord.

Con una taglia sulla sua testa, braccato da amici e nemici, il nostro si ritroverà prigioniero in un carcere di massima sicurezza assieme ad altri brutti ceffi: l’assassina Gamora; Groot, una pianta aliena senziente; Rocket Raccoon, un procione modificato geneticamente; il guerriero Drax, unico sopravvissuto allo sterminio della propria famiglia, durante una invasione da parte del malvagio Ronan.

In cerca di una via di fuga, prima costretti a collaborare assieme dalla necessità e dopo riuniti in nome dell’amicizia, i cinque troveranno la vittoria e la fortuna combattendo fianco a fianco. Promossi come Guardiani della Galassia, lo spazio ora avrà nuovi eroi su cui contare e su cui fare affidamento. Sbarcata dal mondo dei comics a quello del cinema, producendo da sé trasposizioni cinematografiche dei propri personaggi a fumetti come Iron Man, Thor e Captain America, la Marvel (tramite la sua divisione Hollywoodiana Marvel Studios) si è prodigata negli ultimi anni a portare sul grande schermo adattamenti di un certo impatto, cercando da un lato di accontentare i fan più accaniti nonché le nuove generazioni proponendo film intriganti anche per gli spettatori a digiuno di fumetti.

E’ il caso di quest’ultimo titolo, tratto da una non famosissima serie nata negli anni ’70 e rilanciata pochi anni fa, che riesce a mescolare efficacemente fantascienza Space Opera e azione epica con supereroismo e commedia. Merito sicuramente del giovane e promettente regista, James Gunn (Slither, Super) scelto per dirigere questo progetto che porta a casa un ottimo risultato avendo chiesto e ottenuto carta bianca dai produttori. Libero di esprimersi e senza restrizioni di alcun tipo, Gunn firma una sceneggiatura solida, basata sul materiale già pubblicato dalla Marvel, coniugando in maniera sapiente azione e divertimento ma, soprattutto, analizza e si sofferma nei dettagli, nelle caratteristiche, nelle psicologie degli eroi di cui vediamo le gesta. Il cast è affiatato, con gli attori impegnati a dare il meglio nelle loro interpretazioni: sia che si tratta di una scena d’azione o di momenti leggeri-comici, i protagonisti riescono ad emozionare anche grazie ai dialoghi brillanti che fanno da efficace contraltare e preparazione a momenti epici di azione e combattimento. Chris Pratt rende l’eroe terrestre Peter Quill un leader accattivante per via della mimica e delle espressioni: un ragazzo sfacciato e allo stesso tempo dal cuore tenero. Zoe Saldana dona invece alla guerriera Gamora un senso di mistero e un allure sensuale al personaggio.

Drax, interpretato dall’ex star del wrestling David Bautista, ha un look perfetto, con un fisico maestoso per il ruolo del combattente pronto a tutto esaltato anche dal trucco tribale. I personaggi (digitali) di Groot e Rocket Raccoon, in originale doppiati da Vin Diesel e Bradley Cooper, nell’adattamento italiano non perdono l’enfasi nei dialoghi ma aggiungono ancora più passione nei momenti più salienti della nascita del team: una coppia, questa, che rivela il suo potenziale durante le scene d’azione ma e che porta un messaggio di condanna contro le atrocità e i terribili esperimenti che ogni giorno vengono perpetrati nei confronti della natura e sugli animali. Notevole l’apporto che Karen Gillan (Doctor Who, Oculus) e Lee Pace (Lo Hobbit, The Fall) danno ai malvagi Nebula e Ronan, mostrando che l’oscurità non alberga solo nei cuori ma è visibile anche ad occhio nudo.

Modesto il cameo della rediviva Glenn Close, presente ma immutabile nella sua stoica espressione. Gli effetti speciali trasportano lo spettatore dalla Terra verso i più remoti avamposti della galassia: uno scintillio di luci, colori, rumori che creano un affresco variopinto e coinvolgente delle immensità del cosmo, con piacevoli invenzioni come il pianeta ricavato dal cranio di un essere alieno gigantesco.

La colonna sonora, un meraviglioso mix con i più grandi successi degli anni ’70 e ’80, è gradevole, si armonizza con le scene nei momenti più leggeri e quasi ci sfida a ricordare i titoli più in voga ai tempi. "Guardiani della Galassia" è una pellicola destinata a tutti, ove la squadra è l’arma più potente in assoluto e fonda sulla propria debolezza il punto di forza per andare avanti, trovare una famiglia, degli amici, e vincere. Un segnale forte che speriamo venga recepito e che possa decretare un altro successo: in tempi di crisi, di guerre, di perdita di valori, i Guardiani ci ricordano che nella galassia c’è spazio anche per i semplici.


Letto 1232 volte Ultima modifica il Martedì, 21 Ottobre 2014 20:22
  • Lascia un commento

    Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
    Codice HTML non è permesso.

    Stiamo lavorando su

    Assistenza online :

    95%
    Corsi on line :
    85%

    Contatti